Strada con tramonto

NEGOZIARE E FARE "PACE" NON E' SEGNO DI DEBOLEZZA, MA DI FORZA E INTELLIGENZA

In Italia, la cultura della negoziazione dei conflitti è ancora poco diffusa.

Ricordo qualche anno fa a Milano quando, durante un aperitivo, conobbi un uomo d’affari in pensione da poco che, quando gli dissi che mi occupavo di negoziazione, mi chiese se lavoravo in Borsa.

Peccato però che i conflitti facciano parte della nostra vita quotidiana. E, infatti, ogni volta che non siamo d’accordo con qualcuno, che i nostri interessi, bisogni, desideri, aspettative vengono disattesi o che le nostre paure, preoccupazioni, difficoltà non sono soddisfatte, siamo in un conflitto.

Possiamo trovarci in conflitto al lavoro con colleghi, clienti, fornitori ecc, così come nella nostra vita privata tra coniugi, con i figli, altri famigliari, vicini di casa, amici, piuttosto che con chi ci vende un bene o servizio (pensiamo alla ditta a cui abbiamo appaltato i lavori di ristrutturazione di casa o al negozio dove abbiamo acquistato qualcosa che poi aveva dei difetti, per esempio)

 

Ogni giorno possiamo trovarci in un conflitto

 

Dunque, la negoziazione non è solo un metodo di risoluzione delle controversie alternativo al tribunale, ma anche un’abilità che ogni persona ha bisogno per gestire efficacemente i piccoli e grandi conflitti quotidiani, migliorare la qualità delle proprie relazioni e della propria vita.
La negoziazione è una delle cd. soft skill e, come tutte le soft skill, rappresenta una risorsa preziosissima sia nelle nostre relazioni intime che in quelle lavorative/professionali/imprenditoriali.

Purtroppo, però, la carenza di cultura e conoscenza della negoziazione, fa si che molti pensino che negoziare e cercare un accordo, sia segno di debolezza e di paura. Allora,alcuni di costoro attaccano per primi, oppure rifiutano ogni invito alla trattativa e al confronto aperto.

Io ritengo che le cose stiano esattamente al contrario, e che siano coloro che attaccano ad aver paura: paura di mettersi in gioco, di prendersi la loro responsabilità nel contrasto insorto, di aprirsi, di considerare nuovi punti di vista, paura di sembrare debolie di soccombere.

Così come gli animali che si sentono minacciati, molti di noi aggrediscono per paura.

Negoziare, al contrario, richiede leadership personale, intelligenza emozionale, comunicazione, solidi valori, chiari obiettivi, grande volontà, flessibilità e apertura mentale, voglia di migliorare, coraggio, creatività e lungimiranza. Tutt’altro che segni di debolezza, ma di forza e intelligenza.

La negoziazione e le altre soft skill necessarie per negoziare efficacemente possono essere apprese e fatte proprie attraverso un percorso di formazione aziendale/professionale come Business R-Evolution o durante la gestione di una contesa con la Negoziazione Evolutiva.

Puoi lasciare che i tuoi obiettivi siano in balia delle “zuffe”e delle incomprensioni tra ituoi collaboratori, o puoi formali con Business R-Evolution.
Puoi lasciare che il tuo attuale conflitto si trasformi o proseguai n una battaglia giudiziaria, o puoi iniziare una Negoziazione Evolutiva.

 

Ciò che è assolutamente impossibile è non scegliere
-- Jean-Paul Sartre

 

Leggi anche: 8 valide ragioni per negoziare

Foto di Johannes Plenio


RESTA AGGIORNATO!

Iscriviti alla newsletter per non perdere i prossimi articoli.

© 2021 Cappelli Silvia - P.Iva 00799090147 - Realizzato da Siteout